Ansia

L'ansia si concretizza in disturbi specifici che possono distinguersi in fobie particolari, in fobie sociali, in disturbi da stress acuti e in disturbi d'ansia generalizzata. I soggetti che hanno a che fare con un disturbo d'ansia generalizzata devono fare i conti con uno stato di ansia costante e prolungato nel tempo, che non di rado è provocato da situazioni che, in realtà, sono poco significative. Spesso si crea un'attesa di tipo apprensivo, in quanto si ha una visione - o previsione - pessimistica su eventi potenzialmente negativi, se non addirittura catastrofici. Perché si possa parlare di ansia, è necessario che vengano individuati almeno tre tra i sintomi seguenti: tensione muscolare, facilità ad irritarsi, sonno irrequieto, difficoltà a concentrarsi, irrequietezza, difficoltà ad addormentarsi, sonno non soddisfacente, vuoti di memoria o sensazione di nervosismo costante.

La tensione muscolare può manifestarsi anche con mal di testa o tramite dolori diffusi. In linea di massima, chi soffre di ansia spesso è irascibile o comunque si irrita con troppa facilità; inoltre, non è in grado di rilassarsi, e si sforza con fatica per mantenere la concentrazione di cui ha bisogno per svolgere le attività in cui è impegnato, che si tratti di lavorare, di studiare o di qualsiasi altra azione. Le persone ansiose possono essere descritte come impazienti, distratte o irrequiete, e in molti casi sono solite rimuginare a proposito della possibilità di andare incontro a sventure e disgrazie.
Spesso, situazioni tensive, apparentemente non ansiose, possono essere causa di picchi di pressione arteriosa e sollecitazioni cardiache disfunzionali.

La preoccupazione per ogni circostanza è, con tutta evidenza, eccessiva, e proprio per questo motivo difficile da tenere sotto controllo; si abbina, poi, a sintomi somatici, come per esempio l'impressione di avere un nodo alla gola, la bocca secca, la nausea, un aumento della sudorazione, o addirittura la diarrea, il batticuore e le vampate. Possono palesarsi diversi tipi di disturbi a livello scheletrico e muscolare, con tremori e tic abbinati alla tensione del collo e della nuca. Anche i bambini possono essere colpiti da un disturbo d'ansia generalizzata: i piccoli che soffrono di questo problema si preoccupano più del dovuto rispetto alle proprie performance - a scuola, per esempio, ma anche nel gioco, nella musica o nello sport -. Durante la manifestazione del disturbo, può succedere che il nucleo della preoccupazione si trasferisca tra oggetti differenti.